ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEL 27 NOVEMBRE 2019

Home / News / ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEL 27 NOVEMBRE 2019

Il 27 novembre la assemblea della ASPT ASTRA FRIULI VENEZIA GIULIA – Associazione degli Spedizionieri del Porto di Trieste, ha confermato Stefano Visintin (titolare della Casa di Spedizioni Ro. Ro Tranship Srl) alla presidenza della Associazione per il triennio 2019-2022, Marino Marini (titolare della Korman Italia SpA) e Paolo Nassimbeni (Samer & Co Shipping SpA) quali vice presidenti.

Nel nuovo consiglio direttivo sono stati eletti Giacomo Borruso (Interporto di Trieste SpA), Roberto Castelnovo (Rail Cargo Italia SpA), Antonio D’Acunto (B.F.B. Snc), Paolo Flegar (Korman Italia SpA), Franca Luchesi (Santandrea Srl), Jens Peder Nielsen (Samer Seaports & Terminals Srl), Matteo Parisi (Francesco Parisi SpA) e Fabrizio Zerbini (Trieste Marine Terminal SpA).

Di seguito l’analisi della situazione del sistema logistico regionale F.V.G. ed alcune priorità delle linee programmatiche che Visintin ha delineato e sulle quali l’Assemblea degli spedizionieri e terminalisti regionali ha espresso unanime condivisione.

Mentre il presidente D’Agostino sta lavorando per la creazione di piattaforme commerciali per la vendita sull’immenso mercato cinese di prodotti italiani, soprattutto del Nord Est, il sistema produttivo deve guardare oltre la saracinesca del proprio magazzino e consegnare la merce sulla soglia dei clienti di tutto il mondo, creando valore e occupazione dal trasporto dei propri prodotti. Gli Spedizionieri vogliono sostenere le imprese del Nord-est nel processo di riappropriazione della propria catena logistica, utilizzando possibilmente le strutture portuali e interportuali del Friuli Venezia Giulia.

Tutte le associazioni imprenditoriali, sindacali e gran parte dei rappresentanti politici regionali sono ormai persuasi che il regime di porto franco sia uno dei principali strumenti per la creazione di lavoro e di reddito; due ministri dell’attuale governo hanno sostenuto recentemente la necessità che tutti gli apparati dello Stato prendano atto in maniera inequivocabile dell’extraterritorialità doganale del Porto franco internazionale di Trieste. E’ ora che il Governo italiano agisca conseguentemente, comunicando all’Unione Europea che il Porto franco di Trieste non è una zona franca comunitaria al pari di molte altre, ma un territorio extradoganale, così come stabilito da norme di diritto pubblico internazionale.

I benefici doganali e fiscali del porto franco non hanno mai smesso di essere utilizzati e, visto l’impossibilità finora riscontrata di avviare lavorazioni industriali in porto franco dopo che il decreto interministeriale del 2017 le aveva previste, dobbiamo ritenere che dal 1994 ad oggi l’esistenza del porto franco sia stata sostanzialmente simulata dallo Stato italiano. Ora che tale decreto ne ha chiarito la sua piena sussistenza, assistiamo invece ad una dissimulazione del porto franco, che ostacola il pieno sviluppo dell’unica attuale possibilità per l’Italia di creare valore aggiunto con traffici di merci non generati dal suo debole mercato interno. Sta ora all’intelligenza politica di chi rappresenta le Istituzioni saperci ascoltare  e comprendere il valore per l’intero Paese dell’asset competitivo di cui disponiamo.