005. Dogane — Circolare 1/D Agenzia delle Dogane — Procedure Domiciliate e rappresentanza in dogana

Home / Circolari / 005. Dogane — Circolare 1/D Agenzia delle Dogane — Procedure Domiciliate e rappresentanza in dogana

Con la circolare in oggetto, l’Agenzia delle Dogane ha provveduto al riesame della prassi sino ad oggi adottata per disciplinare l’istituto della rappresentanza in dogana nell’ambito delle procedure di domiciliazione. Le istruzioni in essa fornite sostituiscono integralmente quelle contenute nelle precedenti circolari in materia (n.271D 2005 e 9/D/2011 par. 2.1).

L’Agenzia delle Dogane ha proceduto alla pubblicazione della nota in esame al fine di conformarsi ad un parere motivato della Commissione Europea fornito a seguito di un reclamo formulato da un’Associazione Professionale nazionale che lamentava l’impossibilità di operare nell’ambito della procedura di domiciliazione con la modalità della rappresentanza diretta.

In estrema sintesi, alla luce del parere motivato, la nota prevede che i titolari di procedura domiciliata, che svolgono servizi di intermediazione nel settore doganale e/o connessi alla logistica, potranno agire anche in rappresentanza diretta a condizione che:

  • la dichiarazione sia firmata da uno spedizioniere doganale;
  • l’autorità competente possa identificare le persone rappresentate e sia in grado di effettuare i controlli doganali appropriati.

Nel caso il soggetto sia già titolare di autorizzazione e intenda richiedere l’integrazione della stessa per operare anche in rappresentanza diretta dovrà fornire la seguente documentazione:

  1. Istanza per la concessione dell’autorizzazione indicando tale modalità di rappresentanza (Allegato B della Determinazione direttoriale prot. n. 158326/RU del 14/12/2010);
  2. Elenchi dei clienti per i quali il titolare della procedura intende agire in rappresentanza diretta;
  3. Elenco, aggiornato dei doganalisti designati dal rappresentante, titolare dell’autorizzazione, per la presentazione della dichiarazione doganale;
  4. Le procure conferite dai rappresentati.

La nota dettaglia in maniera specifica gli adempimenti per la presentazione delle istanze secondo i diversi casi, le relative modalità di verifica dei requisiti e l’attività di controllo e monitoraggio della sussistenza e osservanza delle condizioni stabilite per il mantenimento dell’autorizzazione. Per questi aspetti rimandiamo alla lettura della nota.
Da ultimo l’Agenzia comunica che le disposizioni della nota in oggetto si applicano a decorrere dal 2 febbraio 2015.